Nuovo impianto di illuminazione.

Nel mese di aprile inizieranno i lavori di riqualificazione
energetica, messa a norma e in sicurezza
degli impianti di pubblica illuminazione. Le scelte progettuali prevedono:   

  1. riqualificazione per la quasi totalità dei centri
    luminosi utilizzando corpi illuminanti con tecnologia led con temperatura
    colore pari a 3000°k in sostituzione alle fonti luminose con lampade a sodio
    alta pressione;
  2. intervento di riqualificazione delle zone ritenute
    “conformi” dal progetto definitivo per uniformare quanto più possibile il
    colore della luce emessa e contestualmente ottimizzare i consumi energetici;
  3. conferma degli interventi strutturali riportati nel
    progetto definitivo per l’adeguamento e la messa in sicurezza degli impianti.

Le zone ritenute “conformi” (struttura idonea si
sostituisce solo il corpo illuminante) sono le seguenti:

· Il Parco Pubblico Cossirano;

· Piazzale ex
Cascina Urbani – Cossirano;

· Pista
ciclabile lato Via Marconi;

· Via
Gottardo, Via Vittorio Emanuele, Via Roma, Via Garibaldi (zona del centro);

· Zona
industriale Via Leonardo da Vinci;

· Via Aldo
Moro (a lato del centro sportivo);

· Via Don
Pietta;

· Via Dott.
Omero;

· Via Dott.
Castigliego.

Riqualificazione dei corpi illuminanti

La soluzione tecnica proposta prevede l’installazione
di nuovi corpi illuminanti prodotti da AEC Illuminazione serie ITALO con
sorgenti a LED con temperatura colore pari a 3000°K, in sostituzione dei corpi
illuminanti modello A2 di AEC Illuminazione con sorgente a scarica (SAP)
previsti nel  progetto definivo.

Lo scopo primario è stato quello di raggiungere il
massimo del risparmio energetico contestualmente ad un’affidabilità dei
prodotti installati. Le garanzie offerte da AEC Illuminazione confermano a
pieno qualità tecniche e prestazionali oltre ad una garanzia di assistenza nel
futuro.

Anche le zone o vie per il quale il progetto definitivo
riteneva conformi i corpi illuminanti, e quindi non interessate ad una sostituzione con nuovi apparecchi,
si prevede la posa in opera di nuovi corpi illuminanti a LED. Il motivo di tale
scelta ricade nel volere uniformare il tipo di illuminazione e ottimizzare il
rendimento dei consumi energetici.

La soluzione proposta utilizza differenti tipologie di
sorgenti: l’utilizzo di sorgenti a scarica a luce bianca si sono rese
necessarie al fine di uniformare il colore della luce nelle zone per il quale
la sostituzione del corpo illuminante risulta essere superflua e troppo onerosa
(corpi illuminanti di recente installazione o in buono stato di conservazione).
Le zone servite da punti luce con sorgenti SAP, si riferiscono alla zona
periferica del comune di Trenzano, alla pista ciclabile SP20, alla stazione
ecologica, Piazzale Via Coniglio e alla zona industriale.

Le vie ritenute “conformi” per le quali si è
provveduto alla posa in opera di nuove sorgenti a LED sono:

· Il Parco Pubblico Cossirano;

· Via Aldo
Moro (a lato del centro sportivo);

· Via Don
Pietta;

· Via Dott.
Omero;

· Via Cavour;

· Via Dott.
Castigliego;

Alcuni corpi illuminanti (corpi illuminanti di tipo
stradale), attualmente installati nelle vie sopra riportate, saranno
riutilizzati per le zone previste con la sorgente SAP, in quanto ritenuti
conformi e in buono stato di conservazione.

Di seguito si riportano le vie per le quali si prevede
una riqualificazione mediante sorgenti a scarica con luce bianca (CDO-TT) e
luce gialla (Sodio Alta Pressione):

· Zona
periferica: La riqualificazione avverrà mediante la posa in opera di corpi
illuminanti conformi recuperati dalle zone del centro con sorgente Sodio Alta
Pressione.

· Zona industriale:
via Dei Dossi, Via Industriale, Via Leonardo da Vinci. La riqualificazione
avverrà mediante la avverrà mediante la posa in opera di corpi illuminanti
conformi recuperati dalle zone del centro per la sola via Industriale. Per le
restanti vie è previsto il ri-cablaggio e il depotenziamento degli attuali
corpi illuminanti in quanto conformi.

· Zona
stazione ecologica: via Marconi (nei pressi del cimitero). Per tale zona è
prevista la sola sostituzione delle sorgenti luminose in quanto
conformi.

· Piazzale
ex Cascina Urbani, Pista ciclabile lato Via Marconi, Via Gottardo, Via Vittorio
Emanuele, Via Roma, Via Garibaldi: La riqualificazione di tali zone avverrà
mediante la sostituzione delle sorgenti luminose esistenti con nuove sorgenti a
luce bianca (CDO-TT)

· Strada
Provinciale SP 20: la pista ciclabile posta a lato della strada provinciale, come
definito dal progetto definitivo è stata realizzata con corpi illuminati con
sorgente Sodio Alta Pressione conformi. L’impianto è alimentato da un quadro
elettrico dedicato equipaggiato da un sistema di regolazione del flusso
luminoso emesso modello Conchiglia. Sarà necessario eseguire un controllo del
quadro elettrico e verificarne il programma di regolazione.

Sistema di Regolazione

Tutti i corpi illuminati con sorgente LED saranno
equipaggiati con un sistema di regolazione punto-punto che permetterà la
gestione del profilo del singolo apparecchio. La programmazione del profilo
avverrà direttamente a bordo apparecchio: il sistema permette di sfruttare la
massima intensità luminosa nelle prime e nelle ultime ore di accensione
dell’impianto, riducendo i consumi energetici nelle ore centrali della notte,
quando è sufficiente un livello di illuminazione inferiore.

È possibile impostare livelli di regolazione da un
minimo del 10% ad un massimo del 100% del flusso luminoso emesso. Ne deriva che
è possibile ottenere risparmi energetici considerevoli, riducendo la potenza
assorbita delle apparecchiature.

Per i centri luminosi con tecnologia a scarica oggetto
di ri-cablaggio con sorgente SAP e CDO-TT, è prevista l’installazione di un
sistema di regolazione puntuale che permetterà la gestione del profilo di
regolazione dal punto di vista dei tempi di riduzione. In considerazione del
fatto che la tecnologia a scarica non consente una riduzione di potenza oltre
certi limiti, tale sistema consente di modificabile “i soli tempi di
riduzione”. La percentuale di potenza ridotta è fissa. Per un quantitativo
decisamente esiguo di centri luminosi non si prevede nessun tipo di
regolazione. Per il parco Cossirano è possibile ipotizzare uno spegnimento
totale o parziale ad una certa ora. In questa fase si considera una
funzionamento continuo.

Il quadro economico dell’opera ammonta ad €
800.000,00. L’importo netto dei lavori, invece, ammonta ad € 688.943,85.

X